Ronzulli (FI): a settembre servono i docenti in classe, non si può attendere concorso

Stampa

“Il ministro Azzolina non può continuare  a dire tutto e il contrario di tutto. Fino all’altro ieri ipotizzava di mettere in cattedra i precari non laureati e oggi invece torna a bomba sull’idea di effettuare dei concorsi.

A parte il fatto che questi docenti, benché precari, insegnano da anni e la loro esperienza si è dimostrata indispensabile per colmare carenze di organico anche imponenti, la scuola a settembre deve assolutamente ripartire a pieno regime e non è possibile attendere i tempi di un concorso. Perché tra un mese e mezzo le scuole finalmente riaprano servono gli insegnanti in classe; dovrebbe essere l’abc per un ministro dell’Istruzione“.

Lo afferma Licia Ronzulli, vicecapogruppo di Fi al Senato.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur