“Romeo e Giulietta”, tragedia vietata a scuola per legge: “troppo sesso”. Stop a Shakespeare in Florida

WhatsApp
Telegram

L’eredità artistica e letteraria che caratterizza la storia culturale dell’umanità è stata da sempre un patrimonio universale. Ma, recentemente in Florida, grandi pilastri di questo patrimonio sembrano essere minacciati da nuove leggi. Iconici come Michelangelo e Shakespeare sono ora al centro di controversie e dibattiti.

La scure sulle icone dell’arte e della letteratura

Guidato dal governatore e aspirante presidente repubblicano Ron DeSantis, lo stato della Florida ha preso delle decisioni audaci. Dopo aver etichettato il celebre “Davide” di Michelangelo come ‘pornografico’, ora è il turno delle opere di Shakespeare. La ragione? Troppo audaci e espliciti nei loro contenuti sessuali.

Il divieto su Romeo e Giulietta

Il distretto scolastico della contea di Hillsborough ha proibito la lettura di ‘Romeo e Giulietta’. Allo stesso modo, parti di opere iconiche come Macbeth e Amleto sono state censurate. Prendendo come esempio “Romeo e Giulietta”, il distretto sostiene che l’opera suggerisce che i protagonisti abbiano avuto rapporti sessuali prima del matrimonio. Joseph Cool, docente presso il liceo Gaithner, commenta: “Shakespeare contiene volgarità”. Tuttavia, egli sostiene che attraverso la censura di tali ‘volgarità’ e limitandosi alla lettura di estratti, si può ancora insegnare Shakespeare.

La decisione, spiegano le autorità scolastiche, è in linea con le nuove norme sull’istruzione approvate dal governatore Ron DeSantis. In base alle regole i dibattiti di natura sessuale sono consentiti sui banchi scuola solo durante lezioni dedicate alla salute. Oltre a Romeo e Giulietta, il distretto ha deciso di censurare parte del Macbeth e dell’Amleto.

Revisione del curriculum e l’eco in altri stati

Diverse scuole in Florida stanno ora rivedendo radicalmente i loro programmi di studio. Questo per evitare critiche e denunce da parte dei genitori, che desiderano un maggiore controllo sull’istruzione dei loro figli. Ma la Florida non è l’unico stato a prendere tali misure. Altri stati con inclinazioni conservatrici stanno seguendo l’esempio della Florida, bandendo libri e autori. Sorprendentemente, anche la Bibbia è stata messa sotto accusa in Utah, considerata da alcuni come “volgare” e “violenta”.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri