Robotica in Italia. Cinque i progetti finanziati dall’Europa: si aprono nuove possibilità di lavoro

di redazione
ipsef

La Robotica italiana fa passi in avanti: dei 17 nuovi progetti selezionati per ottenere i finanziamenti Horizon 2020 della Commissione Europea ben 5 saranno sviluppati da enti di ricerca italiani.

I finanziamenti europei vanno tutti tra i 2 e gli 8 milioni di euro e serviranno per sviluppare nuovi robot o piattaforme intelligenti destinati a cambiare il nostro futuro.

I 17 progetti finanziati toccano ogni settore, dalla telemedicina di SmartSurg, che punta a sviluppare robot capaci di lavorare nelle sale operatorie, alle piattaforme intelligenti ideate dall’università di Bristol per il controllo coordinato di decine di droni per che in volo possano garantire la sicurezza di grandi eventi oppure fornire immagini video da ogni angolazione per la trasmissione eventi sportivi o concerti.
Tra i 5 progetti italiani c’è Andy, un robot sviluppato dall’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) in particolare per imparare a lavorare fianco a fianco con le persone, oppure CyberLeg, l’esoscheletro sviluppato dai ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa per far tornare a camminare le persone che hanno perso l’uso delle gambe, e Dream4Car, il sistema di intelligenza artificiale sviluppato dall’Università di Trento e pensato in particolare per la guida delle macchine autonome. Ci sono anche Refills, un robot magazziniere capace di gestire gli ordini e e aiutare i commessi dei negozi e sviluppato sotto il coordinamento del Consorzio di Ricerca per l’Energia e l’Automazione e le Tecnologie per l’Automatismo (Create), e il sistema MoveCare dall’università di Milano pensato per assistere la persone anziane direttamente nella loro casa e monitorarne i principali indicatori di salute.
A essere finanziati sono quasi tutti progetti vicini al trovare applicazioni commerciali, non rudimentali prototipi. La robotica,sostengono i ricercatori può essere una straordinaria opportunità per creare lavoro sia per quanto riguarda la produzione che la manutenzione o la riparazione.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione