Robotica ed elettronica in Emilia Romagna si studia anche alle primarie

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato – L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna e Makeblock ltd hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa per la sperimentazione nelle scuole dell’Emilia-Romagna di kit innovativi per lo studio dei principi dell’elettronica e della robotica nella scuola primaria.

Sulla base all’accordo siglato, l’azienda partner, un produttore cinese di alcuni dei kit più noti che operano con le scuole del primo ciclo in questa fase applicativa del Piano Nazionale Scuola digitale, metterà a disposizione del Servizio Marconi TSI dell’USRER 12 kit composti da un set di componenti Neuron (componenti elettronici semplificati finalizzati all’apprendimento per scoperta dell’elettronica) e da un robot programmabile “Codey Rocky”, entrambi interfacciabili con il linguaggio di programmazione open source Scratch, il cui impiego ha caratterizzato moltissime esperienze innovative delle scuole dell’EmiliaRomagna negli ultimi due anni.

L’obiettivo è quello di favorire modalità e metodologie didattiche attive per sviluppare l’acquisizione consapevole e “permanente” di concetti e conoscenze di base, favorendo allo stesso tempo lo sviluppo della creatività, arricchita dalle nuove competenze legate alla manipolazione di oggetti e componenti tecnologici.

Il pacchetto si arricchisce anche della presenza di tre droni Airblock, da interno, scomponibili e massimamente sicuri nell’impiego anche per i più piccoli, che possono essere utilizzati sia in volo che a terra in modalità hovercraft. L’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna individuerà le scuole nel territorio, che andranno a sperimentare in classe i kit messi a disposizione, per verificare l’efficacia delle strumentazioni e l’effettiva usabilità dei modelli e degli esempi che la community scolastica internazionale adotta a fini didattici.

Le esperienze condotte in applicazione del protocollo di intesa porteranno le scuole dell’Emilia-Romagna a proporre idee e modalità di sviluppo nell’impiego di questi kit che, derivate dalle specifiche esperienze condotte in regione, saranno a disposizione delle scuole del territorio, ed andranno ad arricchire il repository internazionale delle pratiche didattiche messo a libera disposizione di tutti da Makeblock ltd. Il Servizio Marconi TSI curerà gli aspetti tecnici e didattici dell’ esperienza, nell’arco di sei mesi di lavoro per arrivare, prima della fine dell’anno scolastico 2018/2019, ad un momento pubblico di restituzione e di discussione dei risultati conseguiti. “Con il Protocollo realizziamo una nuova opportunità per le istituzioni scolastiche della regione di utilizzo a titolo gratuito dei nuovi kit proposti dall’azienda partner – spiega il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna, Stefano Versari – la sperimentazione, che verrà coordinata dai docenti del Servizio Marconi TSI, si pone l’obiettivo di favorire la conoscenza e la diffusione di modelli d’uso e di indicazioni pratiche che scaturiscono dall’esperienza realizzata nelle nostre scuole, che in tema di innovazione digitale della didattica possono confrontarsi con le migliori realtà nazionali e internazionali”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione