Robot in classe: come potranno rendersi utili

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Se in alcune delle aule in cui oggi gli insegnanti svolgono lezione non c’è ancora la LIM, la rete wi-fi non funziona in tutto l’istituto scolastico, mancano strumentazioni necessarie nei laboratori, questo sembra non essere un problema per il futuro.

Le classi del futuro potranno avvalersi dei robot. Dai più semplici – macchine che eseguono i movimenti programmati dagli alunni – ai più complessi, veri e propri umanoidi.

Sono loro, i robot, l’attrativa più interessante per i visitatori della Fiera Didacta in svolgimento a Firenze.

Si va dai “robot di servizio”, che fanno da promemoria per gli insegnanti, proiettano immagini e video o eseguono semplici azioni per trasformare l’apprendimento in attività ludica, ai robot utilizzati per insegnare agli studenti il linguaggio di programmazione, o per supportare alunni con difficoltà.

Qualcuno penserà che questo futuro è ancora lontano, ma in alcune realtà sono già state avviate delle attività

Innovazione, presentato alla Camera primo docente-robot acquistato dall’istituto “G. Marcelli”

oppure

Robot a scuola, supporterà alunni nell’apprendimento di matematica e arte

Didattica, robot per apprendere la geometria alla scuola primaria

Versione stampabile
anief anief
soloformazione