“Robocup”, studenti Brindisi non possono recarsi in Giappone per finale mondiale. Mancano risorse

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Vincono competizione italiana, ma non possono partecipare a quella internazionale.

E’ quanto successo a tre studenti dell’Istituto “Giorgi” di Brindisi, che hanno realizzato un robot capace di esplorare autonomamente scenari che riproducono l’interno di edifici colpiti da terremoti o incendi.

I tre studenti, come riferito da “Il Giornale”, hanno vinto la competizione nazionale a Foligno, ma non si sono potuti recare in Giappone, dove si sono svolte, dal 27 al 30 luglio, le finali mondiali della RoboCup Jr.

Il motivo, per cui i tre studenti non si sono potuti recare in Giappone, risiede nella mancanza di fondi da parte dell’Istituto e nel fatto che il Miur, non rientrando la manifestazione nel programma di valorizzazione delle eccellenze, non ha potuto finanziare il viaggio.

Versione stampabile
anief anief
soloformazione