Rivoluzione supplenze brevi. Ci penseranno i docenti dell’organico funzionale

Stampa

L'eliminazione delle supplenze brevi assegnate a docenti estranei alla classe apporterà – secondo le Linee Guida presentate dal Governo Renzi – conseguenze molto positive sia per gli studenti che per le scuole di ogni grado.

L'eliminazione delle supplenze brevi assegnate a docenti estranei alla classe apporterà – secondo le Linee Guida presentate dal Governo Renzi – conseguenze molto positive sia per gli studenti che per le scuole di ogni grado.

Il Governo parte da un assunto: le supplenze brevi non apportano molto dal punto di vista della didattica e dell'apprendimento (durano solo poche settimane o pochi giorni e servono a coprire malattie, visite mediche, formazione obbligatoria, permessi per motivi familiari o personali).

Se sarà comunque impossibile evitare del tutto la discontinuità didattica, allora – e qui la novità- meglio utilizzare docenti che gli alunni conoscono già, perchè appartenenti alla loro scuola o alle rete di scuole (il cosiddetto organico dell'autonomia o organico funzionale).

Segui su Facebook le news della scuola

Oggi infatti i Dirigenti Scolastici ricorrono alle supplenze all'ultimo minuto, per cui sono incerte e sporadiche, e soprattutto non consentono programmazione didattica.

Naturalmente ci saranno sempre delle contingenze in cui sarà necessario assegnare delle supplenze oltre l'organico funzionale, sia per una questione di "quando" (si pensi ad es. ai picchi regionali), sia di "dove" (ci sarà un limite alla mobilità geografica anche nell'organico funzionale).

In questo senso, pur dando alle scuole ampia autonomia (per es. se si sa che il docente sarà assente per 10 giorni si potrà pensare ad una rimodulazione oraria, o ad un potenziamento in altra disciplina, o attività di laboratorio e/o extracurricolari), si manterranno le graduatorie di istituto, ma in una composizione completamente rinnovata rispetto all'attuale.
ANTEPRIMA. Graduatorie di istituto: sarà abolita terza fascia. Rimane una sola fascia per abilitati

Dunque, grande rilievo ai docenti dell'organico funzionale, vera rivoluzione del sistema, mentre per i docenti precari sarà necessario conseguire l'abilitazione per poter essere inseriti nell'unica fascia delle graduatorie di istituto utilizzabile per le supplenze brevi.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur