Rivogliamo le graduatorie aggiuntive (anche se di coda)

di Lalla
ipsef

Prof. Antonello Venditti, Campobasso – E’ l’urlo che arriverà a metà settembre da parte dei docenti che avevano lavorato l’anno scorso fuori della propria provincia di residenza, grazie ad una delle tre graduatorie aggiuntive di coda.

Prof. Antonello Venditti, Campobasso – E’ l’urlo che arriverà a metà settembre da parte dei docenti che avevano lavorato l’anno scorso fuori della propria provincia di residenza, grazie ad una delle tre graduatorie aggiuntive di coda.

Ora che le graduatorie di coda non ci sono più, chi ha scelto di rimanere nella propria provincia perchè vincolato da impegni familiari e a breve, con le nomine a tempo determinato, non si troverà in posizione utile per conseguire una supplenza, neanche su uno spezzone (purtroppo saranno tanti), capiràsulla propria pelle che le graduatorie, anche se di coda, rappresentavano una grossa opportunità di lavoro, o meglio, considerando le spese, di acquisizione del relativo punteggio.

E’ proprio il caso di dire: "Stavamo meglio quando stavamo peggio!"

E’ appena il caso di ricordare che, quando furono concepite le graduatorie di coda, c’era anche un’idea alternativa: un’unica graduatoria nazionale, da cui ogni Ufficio Scolastico avrebbe potuto attingere per il ruolo o per le supplenze al momento dell’esaurimento delle proprie graduatorie provinciali.

Il numero di ricorsi presentati contro le graduatorie di coda per trasformarle a pettine ha fatto fare retromarcia al Ministero. Così sono sparite le graduatorie di coda, l’idea di un’unica graduatoria nazionale è finita nel dimenticatorio e, purtroppo, saranno tantissimi i precari che, come detto sopra, risulteranno esclusi dalle supplenze per tutto il prossimo triennio.

Quel che è peggio è che non si capisce a chi dare la colpa.
E’ colpa del Ministero che ha concepito le graduatorie di coda?
E’ colpa dei sindacati rappresentativi che hanno dato il benestare alla graduatorie di coda?
E’ colpa dei sindacati e delle associazioni che hanno promosso il ricorso pro-pettine?
E’ colpa dei ricorrenti che hanno visto nel ricorso un’opportunità?
Non sappiamo a chi dare la colpa, ma è certo che il risultato è stato disastroso, sotto tutti i punti di vista.

Ne paghiamo oggi le conseguenze (ricorrenti con commissariamento, senza commissariamento, futuri ricorrenti, assurde assunzioni retrodatate dalle vecchie graduatorie orami non più vigenti) e le continueremo a pagare anche per i prossimi anni a venire, fin quando si potrà mettere la parola fine alla questione (ricordiamo una certa affinità con il super-punteggio di montagna).

Chi vivrà vedrà!

Versione stampabile
anief
soloformazione