Rivedere i programmi di alcune materie. Valditara dice sì: “Rimodulare Matematica e Fisica, partire dal reale per arrivare all’astrazione”

WhatsApp
Telegram

Anche l’Italia è al lavoro per reinventare l’approccio alla matematica. Dopo l’allarme del governo inglese, anche quello italiano pensa alla rimodulazione dei programmi, in particolare per matematica e fisica.

L’Italia continua ad essere indietro per numero di laureati, in particolare per le discipline Stem: abbiamo una media di 6,7% di laureati in materie tecnico-scientifiche contro una media europea del 12-13%.

In Italia il 51% dei maturandi non raggiunge la soglia minima sulle competenze di matematica. In alcune regioni del Sud la percentuale sale addirittura al 70%.

In un’intervista a Il Messaggero, Valditara spiega: “Ho voluto istituire un gruppo di lavoro composto da illustri professori di materie scientifiche che prenderà contatto con il premio Nobel Giorgio Parisi e con l’Accademia dei Lincei, per rimodulare l’insegnamento di Matematica e Fisica: partire dal reale per arrivare all’astrazione”.

Già in precedenza il titolare del dicastero di Viale Trastevere aveva detto: “Il livello di competenze non sempre adeguato e la ridottissima platea di studenti, in particolare modo di studentesse, che scelgono discipline scientifiche, ingegneristiche e matematiche, non sono motivati dalla presunta scarsità di talenti o di meriti personali. Si tratta piuttosto di non adeguati incontri orientativi, cioè di un non adeguato orientamento degli studenti con queste discipline”.

Sull’educazione scientifica, vedi anche > “Potenziare la formazione degli insegnanti sulla didattica scientifica”

Leggi anche

Docente tutor in ogni classe pagato di più dal prossimo anno scolastico. L’annuncio del ministro Valditara

Classi da 10 alunni per combattere la dispersione scolastica. Valditara: “Presto al via la sperimentazione in 50 scuole. Invalsi è già al lavoro”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur