Ritorno in classe, uso delle mascherine per docenti e studenti. Cosa accadrà in Sicilia

Stampa

Via libera al documento redatto dalla task-force regionale per la pianificazione delle attività educative, in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico e formativo 2020-2021.

Il piano della task force prevede che nelle scuole dell’infanzia ci sia uno spazio di 1,5/1,8 metri quadrati per ogni bambino. Sarà dunque importante verificare l’ampiezza delle aule. Altro punto riguarda l’utilizzo delle mascherine per i docenti: si potranno indossare visiere trasparenti. Le ore delle lezioni potranno essere ridotte fino a 40 minuti.

Rientro a scuola, in Sicilia si inizia il 14 settembre in modo graduale. 1,5 m per ogni bambino e docenti con visiera. DOCUMENTO

Cosa accadrà per quanto riguarda l’uso delle mascherine per docenti e studenti?

Ogni alunno, così come gli operatori, dovrà personalmente disporre di una mascherina chirurgica o di comunità. Deve essere precisato che, allo stato degli atti, con le sole eccezioni previste per gli alunni delle scuole per l’infanzia 0-6 anni e per i portatori di disabilità, ove necessario in relazione alla specifica condizione personale, l’uso del dispositivo deve intendersi obbligatorio per tutta la popolazione scolastica, inclusi gli operatori.

Sulla base dell’evoluzione della situazione epidemiologica, le competenti Autorità nazionali si riservano di riconsiderare tale obbligo entro la seconda metà del mese di agosto.

Attenzione, però: qualora ci fosse un adeguato distanziamento interpersonale l’uso dei dispositivo individuale può non avere carattere di continuità durante le attività in aula, mentre esso sarà da considerare comunque obbligatorio in condizioni di movimento (durante la presenza in classe) e nelle fasi di accesso ed esodo alla/dalla scuola, di stazionamento negli spazi comuni, di svolgimento di attività speciali (laboratori e gruppi di lavoro) e di programmate occasioni di adunanze assembleari o di manifestazioni collettive.

L’uso delle mascherine e di analoghi dispositivi di protezione naso-bocca resterà altamente raccomandato per gli operatori della scuola, con particolare riferimento alle unità di personale addette al front-office, al servizio degli studenti (inclusi i discenti disabili), alla sanificazione degli ambienti.

Per i docenti, l’uso delle mascherine in aula potrà essere valutato in ragione della distanza intercorrente tra cattedra e banchi viciniori, fermo restando l’obbligo di indossare il dispositivo in occasione di eventuali riunioni collegiali del corpo docente, se non praticabili in modalità a distanza.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia