Ritorno in classe, studenti in ansia. I commenti sui social: “Non siamo noi che non abbiamo voglia di studiare ma è il sistema scolastico che ci porta all’esaurimento…”

WhatsApp
Telegram

Oggi, lunedì 8 gennaio, si torna in classe dopo le vacanze natalizie. Un momento che, scrutando i social media, risulta essere fonte di notevole apprensione tra i giovani.

La tensione si palpita tra le righe dei post sui social: “L’ansia per il rientro a scuola mi sta divorando viva 2 giorni o “Mi sta salendo l’ansia per il rientro a scuola”, esempi della preoccupazione che affligge molti studenti.

Su Webboh si evidenzia un trend su Tik Tok, che ironizza sulla voglia di sfuggire piuttosto che affrontare il ritorno scolastico: “Non siamo noi che non abbiamo voglia di studiare ma è il sistema scolastico che ci porta all’esaurimento…”, si legge in un commento..

La situazione è esacerbata dal carico di compiti e letture assegnate durante le vacanze, come evidenziato da un commento ironico: “Mi sono scordato dei 14 libri da leggere, 140 esercizi di matematica, 46 temi, riscrivere la divina commedia in 46 lingue diverse”.

Leggi anche

“Non assegno compiti a casa e i risultati dei miei studenti sono migliorati. Vi spiego come faccio”. INTERVISTA alla professoressa Arianna Fioravanti

“No ai compiti? Affermazione grave, uno slogan che destabilizza alunni e famiglie. No alla penna cancellabile”. INTERVISTA a Maria Grazia Paglialunga

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri