Ritorno in classe, Speranza: “Diritto alla salute e all’istruzione devono camminare insieme, questa è la vera priorità”

Stampa

Nel mondo “dall’inizio della  pandemia di Covid-19 circa 1,5 miliardi di studenti hanno perso apprendimento”, attività di istruzione, per via della chiusura delle  scuole. “Ciò ha esercitato una grande pressione sui sistemi educativi” del globo.

Sono i numeri ricordati dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) Europa nel giorno in cui si riunisce il vertice virtuale fra i rappresentanti dei 53 Stati membri della Regione europea proprio per ripartire con “una scuola sicura ai tempi di Covid-19”, tema  all’ordine del giorno della riunione co-presieduta da Hans Kluge,  direttore Oms Europa, e dal ministro della Salute italiano Roberto  Speranza, che ne è stato motore.

“Diritto alla salute e diritto all’istruzione devono camminare insieme. Oggi, in rappresentanza dell’Italia, ho promosso con l’Oms una conferenza sulla riapertura delle scuole in sicurezza a cui hanno partecipato 53 Paesi. Questa è la vera priorità delle prossime settimane in tutto il mondo”. Così su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza, in merito al summit in corso stamane.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche