Ritorno in classe, Sileri: “Sui docenti fragili si valuterà caso per caso”

Il vice ministro della Salute, Pierpaolo Sileri, nel corso del suo intervenuto a Rai Radio 1, ha parlato anche del ritorno in classe previsto per il 14 settembre.

“Sui tamponi si sta facendo sempre di più,  il numero sta crescendo. Ma durante la stagione autunnale e invernale gireranno altri virus e sarà necessario avere una potenza di fuoco  maggiore. Si può arrivare a 300mila test al giorno e forse qualcosa di più nelle prossime settimane, non serve oggi”.

E ancora: “Sui trasporti si può aumentare la capienza: se si rispettano le regole, si usano disinfettante per le mani e la mascherina, soprattutto per i tragitti che non sono lunghi il rischio  è basso. Sui trasporti si è detto anche troppo: distanza, mascherina e lavaggio mani sono più che sufficienti”.

Sui test sierologici: “Alcuni professori prenotano il test sierologico alla Asl, ma passano giorni prima che vengano chiamati?  Bisogna velocizzare la procedura, ma questo non accade in tutte le regioni”.

Infine: “Sui professori fragili c’è già un documento che li tutela, è tutto affidato al medico della Asl e dell’Inail:  verrà valutato caso per caso”.

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!