Ritorno in classe, Sileri rilancia la figura del medico scolastico: “Può essere utile”

Stampa

A settembre “le nostre scuole riapriranno in sicurezza grazie all’attento lavoro fatto dalla ministra Lucia Azzolina e dal ministero dell’Istruzione, che hanno elaborato screening con tamponi e test sierologici, da affiancare alle norme sul metro di distanza come misura di sicurezza, l’igiene delle mani e le mascherine”. Così  in una nota il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, che sottolinea come un supporto di sicurezza in più potrebbe essere offerto anche dal medico scolastico, il cui ruolo “può essere utile a prescindere dal Covid-19”.

“Può essere utile ragionare per i mesi a venire – sottolinea il senatore M5s – sulla presenza di un medico o figura dedicata ad occuparsi della salute degli studenti negli istituti”, per “attrezzarci al meglio e per rendere sistema un presidio che sarà utile a prescindere dal Covid”.

Questa figura era un tempo prevista negli istituti scolastici italiani, ma è stata poi abolita. L’idea di reintrodurla era stata avanzata tempo fa anche dall’allora ministro della Salute Giulia Grillo. Tra i compiti del medico a scuola potrebbe rientrare il supporto su temi come alimentazione corretta, sesso sicuro, sostegno psicologico, prevenzione del bullismo e consumo di alcol e droghe

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia