Ritorno in classe, si torna nel caos: scontro con le Regioni. Petizioni per chiedere il posticipo. Gli ultimi aggiornamenti

WhatsApp
Telegram

Ci siamo. Lunedì 10 gennaio si tornerà in classe o quasi. Perché in due regioni, Campania e Sicilia, si posticiperà: l’ordinanza del presidente De Luca, venerdì scorso, ha fatto e farà ancora discutere.

Stop alla scuola primaria e media fino al 29 gennaio (ma in alcune realtà il blocco alle attività in presenza è previsto pure per le superiori), mentre il presidente Musumeci ha posticipato l’apertura delle scuole di tre giorni sfruttando una modifica del calendario scolastico (di competenza delle Regioni).

Ritorno in classe, ecco dove non si torna a scuola il 10 gennaio. Il quadro aggiornato

Il governo ribadisce che si torna in classe in presenza e in sicurezza grazie agli ultimi interventi introdotti, l’ultimo in ordine di tempo quello che modifica la quarantena. Per i docenti, in presenza di due o tre casi di positività, si applicano le norme sui contatti stretti ad alto rischio. Ossia per i non vaccinati o per chi non ha completato il ciclo vaccinale, quarantena di 10 giorni, e poi tampone negativo. Per chi è vaccinato da più di 120 giorni, se asintomatico, quarantena di 5 giorni, e poi test. Per i vaccinati o guariti nei 120 giorni e per chi ha fatto il booster, auto-sorveglianza (che termina al quinto giorno) e mascherina Ffp2 per almeno 10 giorni dal contatto.

Bianchi, nelle ultime ore, sia in tv che sulla carta stampata, predica serenità ed è sicuro che il ritorno in classe debba essere garantito a tutti.

Le Regioni, in realtà, come detto da Emiliano, possono fare ben poco. Appelli, come quello di Zaia, o semplicemente sfruttare i cavilli delle leggi per mandare gli studenti in Dad.

Solo in caso di zona arancione o rossa, si può intervenire con specifiche ordinanze. Per il resto, invece, il rischio è solo di acuire lo scontro in atto tra le istituzioni, tra chi predica di aprire tutto e chi, invece, chiede cautela.

Il muro contro muro prosegue e continuerà pure nei prossimi giorni.

Il rischio di un aumento dei contagi, comunque, esiste anche se, come ricordato da più parti, i contagi sono risaliti durante le vacanze di fine anno quando i ragazzi hanno avuto più tempo libero e più spazio per la socialità.

La scuola rimane un ambiente sicuro, come ha ribadito il sottosegretario Sasso, ma i presidi non sono convinti: chiedono ingenti aiuti e soprattutto evitare di sconvolgere l’orario scolastico per via della mancanza di personale tra positivi, quarantene e docenti e Ata non vaccinati.

L’insofferenza serpeggia, ma il governo tira dritto. Domani Draghi, Bianchi e Speranza spiegheranno (in modo tardivo a dir la verità) agli italiani le ultime misure. Nelle ultime tre settimane ben tre decreti legge hanno cercato di contenere il dilagare di Omicron (senza dimenticare Delta).

L’impressione è che sarà un lungo mese di gennaio con la curva dei contagi ancora lontano dal suo picco.

Può un docente o un ATA chiedere ad un collega se si è vaccinato?

Ritorno in classe, ecco dove non si torna a scuola il 10 gennaio. Il quadro aggiornato

Ritorno in classe: norme a rischio privacy, i sindacati manifestano perplessità

Ritorno in classe, “rientro ingestibile, meglio 15 giorni di Dad”. Presidi lanciano appello per il posticipo della riapertura delle scuole

Ecco le date di rientro stabilite ad oggi:

Abruzzo: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Basilicata: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Calabria: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Campania: 29 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Emilia Romagna: 7 gennaio

Friuli Venezia Giulia: 7 gennaio

Lazio: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Liguria: 10 gennaio

Lombardia: 7 gennaio

Marche: 7 gennaio

Molise: 10 gennaio

Piemonte: 10 gennaio

Puglia: 10 gennaio

Sardegna: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Sicilia: 12 gennaio (la comunicazione)

Toscana: 7 gennaio

Umbria: 10 gennaio (per effetto dell’ordinanza regionale)

Valle d’Aosta: 10 gennaio

Veneto: 10 gennaio

Provincia Bolzano: 10 gennaio

Provincia Trento: 7 gennaio

Il 10 gennaio tante assenze di docenti e ATA?

C’è un altro problema che potrebbe pesare da lunedì: le numerose assenze di docenti e personale ATA, attualmente in isolamento o sorveglianza attiva.

Numeri ancora non conosciuti, dal momento che il personale fruisce della sospensione delle attività didattiche e potrebbe non aver comunicato ancora l’assenza da lunedì. Ne parlano alcuni Dirigenti Scolastici della Sicilia

I numeri del personale scolastico sospeso per non aver aderito all’obbligo vaccinale

In vigore dallo scorso 15 dicembre, l’obbligo vaccinale per il personale scolastico comincerà a far sentire i propri effetti concreti al rientro dalla pausa natalizia, dal 10 in poi. Potrebbero esserci stati infatti dei ripensamenti rispetto a decisioni iniziali, oppure la malattia/guarigione e di conseguenza il rientro. Le ipotesi al momento possono basarsi solo sui numeri teorici, da lunedì invece scatteranno le chiamate da graduatorie di istituto per le supplenze (problematica della durata del contratto è rimasta irrisolta).

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur