Ritorno a scuola, Serafini (Snals): “La didattica a distanza non è insegnamento, la scuola brucia, intervenire subito”

Stampa

Le parole della segretaria dello Snals nel corso della conferenza stampa indetta dai sindacati unitari in vista del nuovo anno scolastico.

“A volte vengono proposte novità senza avere consapevolezza di come si conduce una scuola: è facile dire che i ragazzi si portano fuori, si fa cultura nei musei e nei cinema: è una idea bellissima ma bisogna guardare ai fatti. Ma chi è responsabile per la sicurezza e l’igiene di questi posti? Chi conduce gli studenti fuori dalle scuole? Se non sappiamo come organizzare le attività all’interno delle istituzioni scolastiche come si fa a organizzarle fuori? Noi chiediamo semmai di rivedere le responsabilità civili e penali dei dirigenti scolastici”. Così in conferenza stampa “La scuola si fa a scuola” Elvira Serafini, segretaria dello Snals.

“Non c’è una visione reale dei problemi. Il dirigente risolverebbe tutto con la misurazione del metro tra alunni. Ma stiamo scherzando? Non accettiamo che si dica che noi sindacati siamo poco collaborativi: abbiamo dato la massima collaborazione, conosciamo i problemi e abbiamo ipotizzato le soluzioni. Bastava il confronto e avremmo trovato mille soluzioni”.

Per Serafini ci sono oggi “enormi difficoltà degli Enti locali e dei dirigenti. Gli uffici tecnici dei comuni hanno pochi dipendenti e non sanno come rispondere alle richieste. Il 1 settembre ci saranno enormi difficoltà”.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia