Ritorno in classe, Sasso (Lega): “Azzolina, incapace di garantire corretta riapertura, penalizza un’intera generazione di studenti”

Stampa

“Il 7 Gennaio non è stato purtroppo il giorno della felicità per gli studenti, il giorno del ritorno alla normalità, il giorno del ritorno a scuola. Il Ministro Azzolina lo aveva garantito da settimane in maniera categorica, ma purtroppo non ha fatto poi nulla di concreto per realizzarlo”.

Inizia così una nota del deputato della Lega, Rossano Sasso, membro della Commissione Cultura della Camera dei Deputati 

“Le scuole superiori non hanno riaperto, ma i problemi non riguardano solo queste, infatti le famiglie lamentano classi senza docenti e didattica a distanza a singhiozzo, anche nelle scuole elementari e medie in numerose città italiane. Da mesi abbiamo proposto alcune soluzioni per mitigare il problema: dimezzamento del numero degli alunni per classe, impianti di aerazione nelle scuole per diminuire i rischi di contagio via aerosol, utilizzo locali pubblici e delle scuole paritarie per nuovi ambienti scolastici, oltre ad un effettivo potenziamento dei mezzi di trasporto pubblico”, aggiunge.

“Il Ministro Azzolina ci ha ignorato. Non è giusto che per la sua incapacità ai nostri ragazzi venga negato il diritto allo studio. Azzolina sta penalizzando una generazione, e i segni purtroppo resteranno anche quando questi incapaci non saranno più al Governo”.

 

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!