Ritorno in classe, Sasso: “I dati confermano che la riapertura delle scuole non è stato un azzardo”

WhatsApp
Telegram

“I dati su contagi, quarantene e didattica a distanza comunicati dal ministro Bianchi confermano che la scelta del Governo di puntare sulla ripresa della scuola in presenza non era un azzardo”.

Così Rossano Sasso, sottosegretario del ministero dell’Istruzione.

“Bisogna però continuare a lavorare affinché l’anno scolastico prosegua secondo i programmi, innanzitutto rafforzando rilevamento e tracciamento dei contagi: le strutture sanitarie territoriali sono sotto pressione e non possono evadere tutte le richieste senza un adeguato supporto da parte delle strutture dello Stato. Non lasciamo soli dirigenti scolastici, insegnanti, lavoratori della scuola e famiglie”.

E ancora: “La percentuale delle classi relegate integralmente in didattica a distanza è assai contenuta al momento e sarà sempre più marginale se riusciremo a investire massicciamente sugli impianti di aerazione, sui dispositivi di ventilazione meccanica e sui purificatori d’aria. Sull’efficacia di tali strumenti c’è ormai un’ampia letteratura e autorevoli enti nazionali e internazionali si sono espressi in modo inequivocabile. Ogni euro speso per questo tipo di operazioni renderà più sicure le scuole italiane nell’immediato e costituirà anche un prezioso investimento nel medio-lungo termine. Non perdiamo altro tempo”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VII ciclo. Solo poche settimane per prepararti. Non perderti gli incontri interattivi di Eurosofia