Ritorno in classe, Renzi: “Al posto dei banchi a rotelle avrei fatto lavori di edilizia”

Stampa

Ospite di Sky TG24, il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha parlato di scuola e dell’avvio dell’anno scolastico.

“Aver riportato i ragazzi a scuola, naturalmente anche con tutte le incertezze e i dubbi che ci sono, è un fatto molto positivo. Io avevo chiesto di intervenire prima e mi hanno attaccato come spesso accade. Era quello il momento di fare i lavori nelle scuole, quando c’era il lockdown, perché si poteva dare il miliardo di euro, che è andato nella cassa integrazione, alle piccole e medie imprese per rifare le classi in quel momento. Ormai è andata. Oggi ha ragione Conte quando dice che nessuno ha la bacchetta magica, si sono fatti dei passi in avanti anche se non come avremmo voluto”.

Sempre sul ritorno in classe, Renzi sottolinea: “Sono stati messi dei soldi, il punto è che dobbiamo metterli in modo che servano. Io, ad esempio, al posto dei banchi a rotelle avrei fatto dei lavori di edilizia scolastica, i test sierologici e la presenza dei medici in classe, ma si è scelta la strada dei banchi a rotelle”.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche