Ritorno in classe, quali mascherine più adatte: “Entro i primi giorni di settembre ci saranno le indicazioni”

Stampa

Alberto Villani, presidente della Società italiana  di pediatria (Sip), componente del Comitato tecnico scientifico per  l’emergenza coronavirus (Cts), ospite di ‘SkyTg24’, parla così in merito alle misure previste per le prossime settimane.

Per le mascherine a scuola “valgono le regole che ci siamo dati finora: vanno indossate quando la distanza interpersonale, stabilita in un metro, è tale da non poter essere  sicuri del fatto che non ci spossa contagiare. Questo vale per tutte  le condizioni e per tutte le persone. L’Italia ha stabilito che la  mascherina è prevista per i bambini maggiori di 6 anni. I bambini sono perfettamente in grado di indossarla e non dovranno tenerla a lungo”.

Quali sono le mascherina più adatte? “I primissimi di settembre ci saranno le indicazioni – ha risposto Villani – le mascherine  chirurgiche sono un presidio medico certificato, ovvero si conosce  ogni loro caratteristica. Quelle cosiddette di ‘comunità non essendo dei presidi medici non sono certificate ma hanno una loro efficacia”.

Miozzo ha detto che il Cts sta valutando l’utilizzo di mascherine trasparenti per i docenti per vedere “se compatibili con il lavoro. Non c’è nulla di granitico sulle mascherine. Tra due settimane vedremo come è l’andamento dell’epidemia: se schizza verso l’alto molto probabilmente altre precauzioni dovranno essere prese, ma siamo convinti questo non succederà; ci saranno se necessari dei lockdown locali, quello totale è memoria del passato, non dovremo più immaginarlo”.

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur