Ritorno in classe, nelle scuole del Trentino arriva il termoscanner: misurerà la temperatura di docenti e Ata

Stampa

Il Trentino come la Campania. Tutte le scuole trentine avranno a disposizione i termoscanner, uno per ogni plesso. La Protezione civile è già stata incaricata dell’acquisto.

“Abbiamo previsto per ora che la misurazione della temperatura riguardi docenti e personale Ata”, spiega l’assessore provinciale all’Istruzione Mirko Bisesti al TGR Trentino.

Nessuna decisione per gli studenti, ma è probabile che da qui all’inizio delle lezioni l’obbligo venga esteso anche a loro. Ci sono prima da risolvere alcune questioni organizzative legate all’ingresso a scuola. Per evitare assembramenti. Entrerà chi ha meno di 37 gradi e mezzo.

“Adottare i termoscanner è una questione di prevenzione, di tutela della salute di tutti”, sottolinea Bisesti.

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche