Ritorno in classe, misurazione della temperatura a casa prima della salita sullo scuolabus

Stampa

Misurazione della febbre a casa degli  studenti prima della salita sul mezzo di trasporto scolastico e assoluto divieto di far salire sul mezzo dedicato gli alunni in caso di alterazione febbrile o nel caso in cui siano stati in diretto  contatto con persone affette da Covid-19 nei quattordici giorni  precedenti.

Sono alcune delle misure anti-coronavirus comunicate dal  ministero dei Trasporti.

Per il settore del trasporto è necessario procedere all’igienizzazione almeno una volta al giorno e assicurare un’areazione e  disporre  all’entrata appositi detergenti per la sanificazione delle mani.

La salita degli alunni avverrà garantendo un distanziamento di almeno un  metro e avendo cura che gli alunni salgano sul mezzo in maniera ordinata, facendo salire il secondo passeggero dopo che il primo si  sia seduto.

Per la discesa si procederà uno per uno evitando contatti ravvicinati.

La mascherina sarà obbligatoria ed è inoltre prevista la sanificazione degli ambienti e un adeguato ricambio d’aria.

Per raggiungere questi obiettivi di efficacia e sicurezza il Governo si è pertanto impegnato a fornire in tempi brevi tutte le risorse necessarie a garantire quel 20% di servizi mancanti e aggiuntivi.

Leggi anche

Rientro a scuola, c’è accordo su trasporti: capienza massima dell’80% o 100% su tragitto di 15 minuti. Obbligatoria mascherina

Qui le Linee guida per il trasporto scolastico

Misure di prevenzione generale di competenza dei genitori

Misurazione della febbre a casa degli studenti prima della salita sul mezzo di trasporto.

Divieto di far salire sul mezzo di trasporto per raggiungere la scuola gli studenti in caso di febbre  o nel caso in cui gli stessi siano stati a contatto con persone affette Covid-19 nei quattordici giorni precedenti.

Misure specifiche per il trasporto scolastico

Igienizzazione, sanificazione e disinfezione dei mezzi di trasporto almeno una volta al giorno.

Areazione, possibilmente naturale e continua dei mezzi di trasporto, presenza dei detergenti per la sanificazione delle mani degli alunni.

Distanziamento di un metro alla salita degli alunni alle fermate, facendo salire il secondo passeggero dopo che il primo si sia seduto.

Evitare contatti ravvicinati anche alla discesa dal mezzo: i ragazzi avranno cura di non alzarsi dal proprio posto se non quando il passeggero precedente sia sceso.

Non va occupato il posto disponibile vicino al conducente (ove esistente).

Obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale per il conducente, al quale non è consentito avvicinarsi o di chiedere informazioni.

Obbligo per gli alunni trasportati di indossare la mascherina, per la protezione del naso e della bocca, disposizione che non si applica agli alunni di età inferiore ai sei anni, nonché agli studenti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo dei dispositivi di protezione delle vie aeree.

Agli operatori del trasporto scolastico addetti all’assistenza degli alunni disabili è raccomandato l’utilizzo di ulteriori dispositivi (oltre alla mascherina chirurgica, guanti in nitrile e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose) qualora non sia sempre possibile garantire il distanziamento fisico dallo studente.

La distribuzione degli alunni a bordo viene definita mediante marker segnaposto, per garantire il distanziamento di un metro all’interno dei mezzi, limitando così la capienza massima.

Deroghe al distanziamento di un metro nei seguenti casi:

in caso sia possibile l’allineamento verticale degli alunni su posti singoli e sia escluso il posizionamento faccia a faccia;

consentita la capienza massima del mezzo di trasporto scolastico nel caso in cui la permanenza degli alunni nel mezzo nella predetta modalità di riempimento non sia superiore ai 15 minuti;

nel caso di alunni che vivono nella medesima unità abitativa.

Il Comune può determinare sulla base delle necessità una differenziazione delle fasce orarie del trasporto, non oltre le due ore antecedenti l’ingresso usuale a scuola e un’ora successiva all’orario di uscita previsto.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur