Ritorno in classe, l’ortopedico Saggini: “I banchi regolabili avrebbero dimezzato futuri mal di schiena agli alunni”

Mentre infuria la polemica politica riguardo all’utilizzo dei banchi a rotelle, per Raoul Saggini, presidente della Società italiana di medicina riabilitativa rigenerativa, interventistica multidiscplinare (Simrim), il governo doveva puntare sui banchi regolabili.

Questi banchi sono adatti alle necessità di una popolazione in crescita, favorendo il benessere scheletrico-muscolare con la possibilità di dimezzare i futuri  disturbi alla schiena e far risparmiare, così, notevolmente il  Servizio sanitario nazionale.

“I banchi regolabili, che esistono sul mercato e non hanno costi più elevati, sarebbero utili a prevenire patologie future legate alla  postura. Ricordo che la lombosciatalgia – sottolinea Saggini – è il disturbo più diffuso al mondo, perché l’uomo è un bipede instabile. E ricordo anche che il 50% dei quadri patologici della colonna  vertebrale sono legati proprio alla postura scorretta in età  evolutiva. I banchi si sarebbero dovuti scegliere meglio, ascoltando  la scienza”.

“Abbiamo perso l’occasione per una concreta azione di prevenzione mai fatta prima – conclude Saggini – Anche dal punto di vista scientifico, sarebbe stata un’incredibile opportunità di valutare l’impatto  preventivo di banchi più ergonomici”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia