Ritorno in classe, l’ira di Conte: “Non si fa campagna elettorale sulla pelle degli studenti”

Stampa

La Conferenza Stato-Regioni prova a trovare un accordo sulle linee guida per la ripartenza della scuola. Il nuovo vertice, in programma oggi vedrà la possibilità per i governatori di formalizzare delle proposte.

In mattinata, invece, come pre-annunciato dal commissario Arcuri comincia la consegna di gel e mascherine alle scuole. Le consegne saranno effettuate presso la sede principale delle istituzioni scolastiche nelle fasce orarie che vanno dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Ieri, intanto, Regioni e governo non hanno trovato la quadra su scuolabus e dispositivi di protezione in vista dell’inizio delle lezioni e della ripresa delle attività.

Dal confronto spicca un deciso “no” alle mascherine in classe” e un avvertimento: “Impossibile ripartire così senza evitare il caos dei trasporti, perché in molti rischiano di non raggiungere istituti o luoghi di lavoro”.

Il premier Giuseppe Conte, però, secondo quanto segnala Il Messaggero, è duro: “Non si deve fare campagna elettorale sulla pelle degli studenti. La riunione è stata costruttiva e puntiamo già venerdì ad avere il via libera delle Regioni al protocollo unico di sicurezza nelle scuole in caso di contagio”.

C’è un sospetto che aleggia. I governatori del centrodestra agiscono da guastatori per far fallire la riapertura delle scuole per poi attaccare il governo.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile