Ritorno in classe, l’annuncio di Gualtieri: “Ho firmato il decreto per assunzione a tempo indeterminato di 80mila docenti”

Stampa

“Firmato il decreto finalizzato  all’assunzione a tempo indeterminato di 80mila docenti. Una buona notizia per gli insegnanti precari e per gli studenti che avranno così garantita la continuità didattica. L’istruzione e la ripartenza della scuola sono priorità per questo Governo”. Lo scrive su Twitter il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Immissioni in ruolo insegnanti 2020, posti disponibili anche nelle regioni del sud. Elenco per classe di concorso, chi partecipa

Il ministro dell’Economia scrive di 80mila posti, in realtà, così come detto dalla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, lo scorso 6 agosto e come illustrato ai sindacati il 7 agosto, il contingente autorizzato è pari a 84.808 posti, a fronte di 85.218 posti disponibili.

472 unità di insegnanti di religione cattolica;

91 unità di personale educativo;

11.323 unità di personale Ata, di cui 532 destinate alla trasformazione a tempo pieno di contratti a tempo parziale e 11 a tempo parziale;

529 dirigenti scolastici.

I posti vacanti erano noti, infatti sono quelli che si sono resi disponibili all’indomani delle operazioni di mobilità.

Questi numeri, segnalano i sindacati, sono il frutto di due fattori:

i pensionamenti di quest’anno, che hanno superato le 30 mila unità

gli oltre 50 mila posti che lo scorso anno non sono stati assegnati ai ruoli per carenza di candidati o a causa di pensionamenti trattati tardivamente dall’INPS.

Ritorno in classe, la Cisl Scuola lancia l’allarme: “Per riaprire servono 250mila supplenti”

Leggi anche

400 milioni per il 2020, 600 per il 2021: assunzioni personale, affitto locali, pagamento lavoro straordinario. Ecco decreto, risorse per Regione

Immissioni in ruolo docenti secondaria 2020/21: 50% GaE, 50% concorsi. Fascia aggiuntiva e call veloce le novità

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur