Ritorno in classe, l’annuncio di Gori: “A Bergamo si voterà in sedi alternative alle scuole”

Stampa

A Bergamo 40mila elettori il prossimo 20 e 21 settembre voteranno in seggi elettorali alternativi per non interrompere le scuole e la didattica. Nei prossimi giorni arriverà nelle case di tutti i cittadini coinvolti una lettera con tutto quel che c’è da sapere. Lo fa sapere il Comune di Bergamo, su Facebook.

“Domenica 20 e lunedì 21 settembre gli italiani saranno chiamati a votare al referendum per approvare o respingere il testo di legge dal titolo ‘Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari’. Già da tempo l’amministrazione considera la necessità di individuare sedi di voto alternative alle scuole. L’idea infatti che non sia giusto che ad ogni votazione siano le scuole e l’istruzione a doversi fermare”.

Quest’anno in particolare, “la situazione degli istituti scolastici sarà ancora più complessa, a causa dell’emergenza coronavirus. Il  referendum provocherebbe infatti la chiusura delle scuole a pochi  giorni dalla loro riapertura, dopo mesi di aule vuote e didattica a distanza. Si cercherà quindi di evitare, ove possibile, un’ulteriore  chiusura, individuando sedi di voto alternative a quelle scolastiche”,
sottolinea il Comune.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur