Ritorno in classe, l’accorato appello di Zingaretti: “Supplico il governo, no alle scuole seggio elettorale”

Stampa

Il presidente della Regione Lazio e segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, a TG2 Post, ha parlato anche dell’attualità scolastica. 

“Supplico il governo e i ministeri  competenti, ovvero dell’Istruzione e dell’Interno: fate di tutto per  limitare i danni che possono derivare dal referendum e dalla data  delle elezioni del 20 settembre. Non dico che bisogna riuscirci  ovunque. Ma limitiamo la chiusura degli istituti scolastici. I seggi si possono mettere in luoghi che non blocchino la didattica o vicino. Sarebbe bello poter dire ai ragazzi e ai professori che abbiamo fatto  di tutto per non farvi perdere nemmeno un’ora di lezione…”.

Calendario scolastico 2020/21: data inizio e termine lezioni in ogni regione, quanti giorni di “ponte”

E poi: “Riaprire le scuole il 14 settembre non deve essere solo una speranza. Deve essere una priorità del  governo riaprire le scuole in piena sicurezza”.

Apertura scuola a settembre 2020, ecco le linee guida DEFINITIVE. PDF

Sbrollini (Italia Viva): si trovino sedi alternative alle scuole per elezioni. Sul ritorno in classe i tecnici diano solo pareri [INTERVISTA]

Sullo stato di emergenza, invece, afferma: “Non si capisce la drammatizzazione dello  stato di emergenza fatta dalle opposizioni. Permette di assumere  decisioni e provvedimenti più in fretta. Non è mica un attentato dire  che ci vogliono ancora mascherine, distanza di sicurezza e igiene  delle mani…”.

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa