Ritorno in classe, in Piemonte le famiglie dovranno certificare la misurazione della temperatura. Controlli a campione all’entrata

Stampa

Riaprire le scuole è la priorità del governo e delle Regioni. Alcuni enti locali valutano il posticipo rispetto alla data originaria del 14 settembre, altre, invece, confermano la scadenza del 14. Come accade in Piemonte.

Nella regione guidata da Alberto Cirio, esponente della Lega, ci saranno alcune modifiche rispetto alle linee guida nazionali.

La misurazione della temperatura sarà effettuata dalle famiglie, a casa, ma è probabile che arrivi un’ordinanza tale da prevedere la certificazione da parte delle famiglie sull’avvenuta rilevazione e contestualmente controlli a campione sugli studenti per avere il polso della situazione in tempo reale.

In ogni caso, la Regione destinerà alle scuole risorse per acquistare termoscanner: 500mila euro così da attrezzare le 542 autonomie scolastiche, a cui fanno capo 3.200 plessi.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur