Ritorno in classe, il CTS: “Se non c’è distanziamento nelle classi si useranno mascherine”. Valutabili possibili deroghe

WhatsApp
Telegram

Al termine della riunione tenutasi nel pomeriggio, il Comitato Tecnico Scientifico ribadisce quanto deliberato lo scorso 12 agosto e resocontato dal Ministero dell’istruzione.

Nel verbale della riunione della scorsa settimana si legge che è possibile una deroga alla necessità di rispettare all’interno delle classi il metro di distanza, solo se si usa la mascherina.

Una deroga che consente un rientro tra i banchi in “modo classico”, senza distanziamento e venendo incontro alle difficoltà che alcune scuole stanno incontrando nel reperire gli spazi. La mascherina in questi casi dovrà essere sempre indossata durante le lezioni e viene consigliato l’uso di quelle chirurgiche.

L’orientamento del Comitato Tecnico Scientifico (Cts), dunque, è per un uso esteso delle mascherine a scuola.

“Sopra i sei anni – aveva detto il coordinatore del CTS, Agostino Miozzo – sarà richiesto, in Italia come in altri Paesi, che ci imponiamo l’uso della mascherina e il distanziamento. Poi ci saranno condizioni particolari, come l’uso se c’è un ragazzo non udente in classe, l’interrogazione, momenti del contesto locale che saranno valutati. Ovviamente non c’è la mascherina a mensa o mentre si fa ginnastica. L’indicazione, però, sarà: utilizziamo la mascherina perché è un importante strumento contro il virus”. 

Ritorno in classe, le indicazioni ufficiali sull’impiego della mascherina. VERBALE CTS [PDF]

Ritorno in classe, le regole per emergenza Covid: piani scuola, linee guida, distanziamento. Le info utili

Ritorno in classe, dai test sierologici agli alunni fragili: ecco le FAQ ufficiali del Ministero dell’Istruzione

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana