Ritorno in classe il 17 gennaio o il 1° febbraio? Zaia: “Decisivi i prossimi 15 giorni. In caso Dad dalla seconda media in su”

WhatsApp
Telegram

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, misure le parole, ma il messaggio è chiaro: “Decisivi i prossimi 15 giorni, io sono per la scuola in presenza, ma un anno fa il Veneto si salvò grazie alle chiusure. Per un ragazzo il rischio di infezione è più che doppio. Ora massima attenzione”.

Secondo quanto segnala il Gazzettino, le ipotesi sul tavolo del governo sono due: allungamento delle vacanze di Natale dal 10 al 17 gennaio o chiusura degli istituti fino al 31 gennaio con ritorno in classe agli inizi di febbraio. Tutto questo con la reintroduzione della didattica a distanza.

Zaia è chiaro anche su questo argomento: “Io sono per la scuola in presenza, alcune regioni che aprirono le scuole si sono, però, ritrovate le terapie intensive piene”.

Successivamente Zaia ha detto: “Al momento il Veneto non sta pensando ad una ordinanza per allungare le vacanze scolastiche Per il momento non ci stiamo pensando a fine anno faremo una verifica sull’infezione prevista per i primi dell’anno e poi si decide. E in ogni caso la chiusura riguarderebbe le classi dalla seconda media in su”. 

Nove regioni superano i limiti in rianimazioni e aree mediche

L’Italia raggiunge il 12%, per l’occupazione dei posti in terapia intensiva superando così la soglia critica fissata al 10%. L’occupazione in area medica raggiunge il limite massimo fissato dai parametri al 15% con un aumento dell’1%. È quanto emerge dal monitoraggio quotidiano dell’ Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), sulla rilevazione dei dati del 26 dicembre.

Sono 9 le regione che superano le soglie critiche in entrambi i parametri (intensiva e area medica): Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio (14% intensive e 15% area medica), Liguria, Marche, Pa Bolazano e Trento, Piemonte e Veneto.

Prolungare vacanze, ma recupere lezioni perse

L’ipotesi del prolungamento delle vacanze di Natale inizialmente è stata avanzata dal sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: “Se i contagi arriveranno a quota 100mila al giorno dovremo ritardare di due settimane la riapertura della scuola dopo Natale”, ha detto nel pomeriggio del 21 dicembre.

Palla lanciata da Sileri e colta anche da Giorgio Palù, virologo dell’università di Padova e presidente dell’Aifa, che ieri durante una intervista a Sky Tg24 è intervenuto sull’argomento. “Se dobbiamo allungare il periodo delle vacanze? Sì se c è la possibilità di recuperarle successivamente“.

Lo stop di Bianchi e Draghi

Dichiarazioni che hanno subito scosso l’opinione pubblica, tanto da richiedere un primo stop da parte del Ministro Bianchi già nella prima mattina del 22 dicembre: “È sbagliata la misura di prolungamento delle vacanze natalizie, la scuola è il comparto della nostra società che con più passione e capacità ha risposto all’invito alla vaccinazione”.

“Allo stato attuale, su base nazionale, i positivi dentro alle scuole sono ancora un numero limitato, ben sotto all’1%, come le classi in quarantena – 10mila ma su 400mila – spiega – il problema è cosa accade fuori scuola”.

Il 27 dicembre, su Sky Tg24, è stato ancora più chiaro: “La nostra indicazione è che si torna a scuola in presenza ci vuole la responsabilità di tutti, questo è il nostro obiettivo e questo faremo”.

A rafforzare la posizione di Bianchi ci ha pensato il presidente del Consiglio Mario Draghiche nel corso della conferenza stampa di fine anno ha detto“Domani non valuteremo il prolungamento delle vacanze scolastiche, il ministro Bianchi è stato chiaro nelle scorse ore”.  Poi su eventuali nuove chiusure ha assicurato: “Sono consapevole delle sofferenze dei giovani a causa delle restrizioni faremo di tutti per evitare che quella esperienza della didattica a distanza si ripeta”. E ancora: “occorre prendere precauzioni, la prima cosa da fare è uno screening negli istituti, e su questo Figliolo si è messo al lavoro, poi serve il testing e la vaccinazione di tutti, e anche dei bambini oggi”.

A traino di questa posizione anche la sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia, che ha fatto il punto della situazione in un‘intervista ad Orizzonte Scuola: “Al momento il numero di classi in dad è aumentato ma è ancora basso, segno che le misure di sicurezza e di prevenzione funzionano. Il sottosegretario Sileri in realtà non ha parlato di un ricorso generalizzato alla misura di posticipare il rientro dei ragazzi dopo le feste, ma che bisogna valutare in base ai dati disponibili e vagliare le possibili soluzioni da percorrere. Dunque se in casi specifici e circoscritti posticipare il rientro può essere ritenuto utile, allora può essere una soluzione da valutare. Ma al momento non è una misura all’ordine del giorno.

Per Antonello Giannelli, presidente ANP, l’allungamento delle vacanze natalizie in chiave anti covid “è una decisione di ordine sanitario che va presa dall’autorità sanitaria ad esito dell’analisi su ciò che sta accadendo. Al momento non è da considerare alcuna chiusura generalizzata che sarebbe un lockdown per la scuola, ammesso ovviamente che le autorità sanitarie non lo reputino opportuno“.

WhatsApp
Telegram

Eurosofia ti offre il suo supporto per la Preparazione ai Concorsi scuola ed aumentare il punteggio per le graduatorie GPS