Ritorno in classe, i medici di base: “Tasso di rifiuto dei docenti tra il 15% e il 20%”

“A livello nazionale avevamo una platea di 1,5 milioni di persone, tra personale docente e non docente, che dovevano rientrare nella possibilità di fare il test sierologico dal proprio medico. Possiamo dire che Fimmg si è occupata degli elenchi di circa 800-900 mila persone, perché non siamo l’unico sindacato coinvolto. Le operazione sono partite il 24 agosto tra mille difficoltà e, voglio sottolinearlo, solo grazie all’impegno dei medici di famiglia: ad oggi il tasso di rifiuto al test sierologico tra gli insegnanti è stato del 15-20%”.

Così all’Adnkronos, Silvestro Scotti, segretario generale della Fimmg, la Federazione italiana dei medici di medicina generale.

“Aspettiamo di capire anche se sarà possibile proseguire con i test dal medico di famiglia oltre il termine del 7 settembre. Che si fa  nelle Regioni che apriranno le scuole il 24 settembre? Su questo qualcuno dovrebbe battere un colpo”, chiede Scotti al ministero della Salute.

“E’ chiaro che c’è stato un grave buco d’informazione ai docenti – prosegue Scotti – Noi abbiamo avvisato i  medici che dal 20 agosto avrebbero ricevuto gli elenchi delle scuole statali. Io come medico di famiglia, insieme al mio collaboratore di studio a Napoli, ho iniziato subito a contattare i docenti nel mio  elenco di assistiti e ho potuto constatare che molti non erano  informati. Ho organizzato una seduta unica per i test sierologici il 27 agosto e su 20 persone solo due si sono sottratte”. 

Infine, secondo il segretario della Fimmg, è mancato completamente un raccordo con le Asl. “Partire con questo tipo di screening ad agosto ha evidenziato le mancanze del personale delle Asl – conclude – tutto
è ricaduto sui medici di medicina generale che invece sono stati pronti”.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste