Ritorno in classe, Governo chiede a Crisanti piano tamponi: 300mila al giorno, 20 laboratori nuovi in ogni regione

Un piano nazionale di sorveglianza sul Coronavirus, e arrivare a quadruplicare il numero di tamponi, da 75-90.000 a 300.000 al giorno, è stato chiesto dal ministero della Salute al microbiologo Andrea Crisanti

A dirlo è lo stesso Crisanti, sul Corriere del Veneto. Il progetto sarebbe al vaglio del ministero e del Cts. “Tutto è nato da un colloquio informale con il ministro D’Incà e il sottosegretario Sileri – spiega Crisanti – che mi hanno chiesto cosa fare per affrontare la nuova ondata di contagi. Ho dato il mio contributo di idee e loro mi hanno sollecitato a mettere tutto nero su bianco“.

Secondo Crisanti “è indispensabile in questa fase intermedia tra i casi legati ai rientri dalle vacanze e la vigilia della riapertura delle scuole. Dobbiamo prevenire, per limitare nuove chiusure e quarantene“. Il piano di Crisanti “prevede di attivare venti nuovi laboratori in ogni regione, in grado di arrivare a processare 10mila tamponi al giorno e coordinati dal governo. Parliamo di strutture fisse e mobili, cioè tir attrezzati per andare a fare i tamponi e ad analizzarli subito in aree remote o in difficoltà“.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze