Ritorno in classe, Gori: “Male il governo nella gestione della riapertura. Moltissime incognite”

Il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, va all’attacco del governo sulla gestione della questione riguardante la riapertura delle scuole. A Radio 24 parla così in merito al ritorno in classe previsto per il 14 settembre.

“Male, posso dire? Male. Sono mesi che  si dice che questa è una priorità. Avremmo potuto aprire sul finire dello scorso anno scolastico come hanno fatto in altri Paesi del mondo. Invece mancano quindici giorni e le incognite sono ancora  moltissime perché ancora non sappiamo quando arriveranno i banchi, non sappiamo come finirà la questione del trasporto pubblico e in molte  scuole c’è ancora un problema di sistemazione delle aule che a Bergamo abbiamo risolto”.

“Ogni giorno – ha sottolineato Gori – cambia la linea sulle  mascherine, francamente non capisco perché si possono togliere, ma  soprattutto è molto incerta la determinazione di quello che può  succedere nel momento in cui dovesse esserci un caso sospetto, è  quello che personalmente mi preoccupa di più”.

Poi, parlando della  capienza dei trasporti pubblici, il sindaco ha osservato: “Sembra che rischiamo di scaricare sul trasporto pubblico le mancanze sugli altri  fronti”.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Scegli il corso ideato da Eurosofia per acquisire le nuove, indispensabili competenze