Ritorno in classe, Giannelli (ANP): “Assembramento naturale a scuola. In molte aule distanziamento impossibile”

Stampa

Antonello Giannelli insiste e pone molti dubbi circa il rientro in classe degli studenti, che dal 26 aprile dovrebbe coinvolgere anche quasi tutti gli studenti delle superiori: dal distanziamento nelle aule allo screening degli studenti.

“La scuola è un luogo naturale di assembramento. Se si torna al 100% in molte aule non sarà possibile rispettare il metro di distanziamento. In questo caso la scuola si vedrà costretta a ridurre la presenza dei ragazzi e alternarla alla dad, facendo rotazioni. Bisogna valutare questo rischio”. Lo dice all’ANSA il presidente dell’Anp (Associazione nazionale presidi) Antonello Giannelli.

Riguardo al rientro a scuola dal 26 aprile, Giannelli spiega che “abbiamo un aspetto positivo che è migliorato, quello della percentuale di personale scolastico che ha ricevuto la prima dose, ovvero 3 su 4. L’aspetto criticabile è la sospensione del piano vaccinale nei confronti del mondo della scuola che riguarda 1,5 milioni di persone, per procedere invece con fasce d’età. Dovrebbe essere invece fatto parallelamente”.

Tra gli aspetti negativi ci sono sempre i trasporti, tema che riguarda soprattutto gli alunni superiori perché i più piccoli hanno la scuola vicino casa. Ci sono 390 milioni di euro per i trasporti, ma quando ne vedremo gli effetti? C’è poi il tema del piano di screening degli studenti basato sui tamponi rapidi che ancora naviga in alto mare“, conclude Giannelli.

 

Stampa

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata