Ritorno in classe, Di Meglio (Gilda): “Le scuole sono in difficoltà nel reperimento degli spazi”

“Nel caldo ferragostano il personale delle oltre 8.000 scuole italiane è alle prese con le attività necessarie a far tornare in presenza e in sicurezza le studentesse e gli studenti  in tutte le Istituzioni scolastiche dal mese di settembre”. Questo è quanto afferma la Gilda degli insegnanti sottolineando che “le difficoltà maggiori le scuole le stanno incontrando nel reperimento degli spazi che dovranno garantire il distanziamento e quindi la riduzione del numero di alunni per classe”.

“Purtroppo – evidenzia il sindacato – nonostante le precoci dichiarazioni della ministra, che già il 26 giugno annunciava nel ”Piano scuola 2020/2021” la predisposizione di ”un cruscotto informativo” che ”consentirà di poter definire il distanziamento e  di rendere evidente i casi in cui gli spazi non risultino sufficienti” ad oggi, quando mancano 15 giorni alla ripresa delle attività didattiche, non abbiamo alcuna evidenza pubblica del famoso ”Cruscotto” e dei dati che alle scuole servirebbero per definire le misure di sicurezza”.

“Siamo molto preoccupati – continua Di Meglio – da quanto emerge dagli atti ufficiali del ministero dell’istruzione dai quali risulta chiaro che le preoccupazioni dell’Amministrazione siano orientate alle scuole dell’infanzia e primaria, soprattutto per soddisfare le richieste dei genitori dei più piccoli, perché rivelano una concezione della scuola non come luogo di sapere, ma come centro di accoglienza e assistenza”.

La ripresa delle lezioni in presenza dovrebbe essere garantita in tutti gli ordini di scuola e a tutte le studentesse e gli studenti senza alcuna ipotesi di didattica a distanza o mista, tranne che nel caso di un nuovo, non augurabile, lockdown.

Segui il nuovo ciclo formativo Eurosofia: “Educazione civica, cittadinanza attiva e cultura della sostenibilità a scuola”