Ritorno in classe, dalla mascherina alla creazione di chat di gruppo. Il vademecum dei medici di base

Con la ripresa dell’attività  scolastica occorre “prendere una serie di misure cautelative, visto  che le numerose interazioni che si verificano dentro scuole e  università possono moltiplicare i contagi e generare focolai in grado  di coinvolgere anche chi è più avanti con l’età, a partire dal  personale docente e non docente e dalle famiglie”.

Così la Simg, la  Società italiana di medicina generale e delle cure primarie, lancia 10 regole da tenere sempre presenti.

“Per questa nuova fase dell’epidemia è necessario adottare un  approccio diverso – spiega Claudio Cricelli, presidente Simg – Abbiamo controllato le modalità di diffusione e sappiamo quali contromisure  prendere senza dover arrivare a un nuovo lockdown. L’istruzione è un  settore chiave della nostra società: sono circa 10 milioni gli  italiani coinvolti nelle scuole e nelle università del nostro Paese, ossia circa un sesto della popolazione”. 

Ecco il vademecum della Simg:

1) laddove non si possano mantenere distanze sufficienti, la mascherina diventa lo strumento più utile per limitare questi contatti. Ogni alunno deve quindi portare con sé un dispositivo medico chirurgico – quindi non le semplici mascherine di stoffa – da utilizzare durante le lezioni laddove necessario, durante i momenti ricreativi e durante gli  spostamenti per i bagni. Contrariamente a quanto spesso si è visto, la mascherina non deve essere toccata, tolta o abbassata; deve essere  sempre pulita e cambiata una volta al giorno. Si consiglia, ogni volta, di personalizzare il dispositivo così che possa essere facilmente riconoscibile e non confusa con altre similari.

2) igiene delle mani. Le mani possono essere veicolo di contagio:  oltre a evitare di toccarsi naso e bocca, si devono lavare di frequente, a lungo (almeno 40 secondi) e con il sapone.

3) Gel igienizzante. Per rafforzare l’igiene delle mani o per sopperire alla mancata possibilità di lavarle, le mani devono essere disinfettate con gel igienizzante prima e dopo la frequentazione di qualsiasi ambiente, in particolare quando si accede ai mezzi pubblici. Gli alunni devono portare sempre con sé tale gel, soprattutto in aula, da utilizzare nelle occasioni in cui le attività didattiche prevedono  eventuali contatti con oggetti in comune.

4) Distanziamento sociale. E’ indispensabile  mantenere uno o due metri di distanza tra personale e discenti, nonché tra gli stessi alunni. Occorre inoltre limitare al minimo le occasioni in cui questi possano comprometterla.

5) Disinfezione degli ambienti. Introdurre pratiche di disinfezione  delle superfici con regolarità durante la giornata. Occorre prevedere  anche la disinfezione degli oggetti comuni e punti per  l’igienizzazione delle scarpe. Indispensabile la presenza di colonnine con distributore di gel.

6) Educazione e attenzione genitoriale. I genitori/parenti hanno un  ruolo cruciale: è fondamentale, infatti, che loro intervengano  preventivamente e severamente nel far osservare le norme, così da  facilitarne l’osservanza all’interno degli ambienti scolastici. A tali figure, una volta a casa, si richiede massima attenzione alla salute  degli alunni: si consiglia un quotidiano controllo della temperatura e il monitoraggio di eventuali sintomi. No alla somministrazione di farmaci senza prescrizione medica.

7) Accessi scaglionati. Bisogna scadenzare l’accesso nelle scuole e negli uffici per evitare affollamenti e pericolose code. Sarebbe opportuno, laddove possibile, la  realizzazione di apposite corsie di ingresso e uscita.

8) Comunicazione. Per favorire la comunicazione tra personale  scolastico e famiglie, si consiglia una mailing list o una chat di  gruppo per eventuali comunicazioni urgenti, da utilizzare unicamente  per denunciare casi di positività o per avvisare riguardo l’insorgenza di alcuni sintomi.

9) Test sierologici. E’ indispensabile sollecitare i docenti a fare i test sierologici: questa pratica è stata talvolta sopravvalutata come soluzione o come forma di immunità. Il test sierologico è un elemento di conoscenza di come si muove il  virus, che procede di nascosto. Su coloro che presentino test sierologico positivo o abbiano altri sintomi sospetti bisogna  effettuare il tampone, al fine di proteggere coloro che si possono ammalare più facilmente, a partire dagli anziani.

10) I medici di medicina generale devono costituire un punto di  riferimento costante per le famiglie e per ogni individuo. Devono  essere vicini ai pazienti, contattarli personalmente e far presente  loro quali siano i comportamenti corretti e se necessario convocarli presso i propri studi.

Preparazione concorsi, TFA e punteggio in graduatoria con CFIScuola!