Ritorno in classe, così sarà in Sicilia: i quattro pilastri per garantire piena sicurezza

La scuola ripartirà a metà settembre e le Regioni stanno approntando le linee guida per garantire il ritorno in piena sicurezza per docenti, Ata e, ovviamente, studenti. Ecco le ultime notizie che riguardano la Sicilia.

Il piano della task force della Regione Siciliana prevede, così come segnala il Corriere di Ragusa, un distanziamento tra i singoli alunni tra 1,8 e 2,2 metri (che varierà da scuola a scuola), mascherine da indossare solo all’ingresso, all’uscita e durante la ricreazione e ingressi scaglionati per evitare gli assembramenti.

I quattro pilastri su cui si fondono le linee guida sono distanza, mascherine, pulizia delle mani e sanificazione degli ambienti.

Prima della ripartenza si provvederà alla sanificazione degli ambienti e ai test sierologici per i docenti.

Due, in particolare, sono i problemi: uno riguarda i trasporti alla luce della possibilità di permettere ingressi scaglionati bisognerà riorganizzare il sistema degli scuolabus nei singoli comuni, e non sarà facile e soprattutto bisognerà pagare straordinari al personale. Poi bisogna trovare una soluzione per le aule perché il numero degli alunni dovrà essere ridotto di un terzo.

Due milioni di test sierologici per docenti e Ata. I kit entro il 10 agosto. Il bando di gara [PDF]

Ritorno in classe: mascherine, distanziamento e medico scolastico. Il Cts risponde. SCARICA PDF

Leggi anche

Azzolina: sì a test sierologici per tutto il personale scolastico. Il ministero della Salute è già a lavoro

Ritorno in classe, Azzolina: in arrivo specifico protocollo di sicurezza per la riapertura

Azzolina: al via formazione del personale scolastico su digitale. Presto linee guida su Dad

Ritorno in classe: ecco quando dovrà essere indossata la mascherina

TFA Sostegno V ciclo. Affidati ad Eurosofia, materiali didattici sintetici, simulatori delle prove ed un metodo incisivo. Allenati per vincere