Ritorno in classe, Bonaccini: “Chiudere le scuole e tenere aperte le altre attività sarebbe stato un segnale al contrario”

WhatsApp
Telegram

“Io avrei generalizzato l’obbligo di Super Green Pass per accedere a tutto. Sarebbe stato, oltre che più sicuro, anche più semplice e comprensibile. Il compromesso raggiunto è in ogni caso il punto più avanzato in Europa. Ancora una volta è l’Italia a fare da apripista, anche per Paesi che hanno situazioni peggiori”.

Così in un’intervista a ‘La Stampa’ il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

”Draghi incassa un risultato che oggi non ha eguali in Europa. E lo fa nonostante le resistenze della Lega che, spesso, ha poi cambiato idea, dal no alle mascherine all’inizio, fino alla resistenza all’estensione dei vaccini oggi”.

”Il numero dei contagi è altissimo ma, in proporzione, le ospedalizzazioni sono più contenute rispetto alle ondate precedenti; le terapie intensive sono piene di non vaccinati, che in Emilia Romagna sono un decimo rispetto alla popolazione di vaccinati ma occupano ben tre quarti dei posti letto. Il nostro compito è proteggere la salute e l’economia, gli ospedali, le scuole e il lavoro. E il vaccino è l’arma più efficace che abbiamo contro il virus, come ha compreso la gran parte degli italiani: tornare a chiudere vorrebbe dire rendere vani i sacrifici e il senso di responsabilità dimostrato dai cittadini”.

Quanto alla scuola sono per quella ”in presenza. E come Regioni non avevamo chiesto la dad ma un pronunciamento del Cts. Capisco chi dice che due settimane di attesa avrebbero permesso forse di scollinare il picco e raffreddare la situazione, scongiurando il rischio di riaprire ora per poi magari dover ricorrere alla Dad in maniera massiccia per l’alto numero di studenti e insegnanti contagiati. Ma ribadisco il fatto che la scuola è una priorità e che chiuderle mantenendo aperte tutte le altre attività sarebbe stato un segnale al contrario”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Segui un metodo vincente. Non perderti la diretta di oggi su: “Intelligenza emotiva, creatività e pensiero divergente”