Ritorno in classe, Boccia: “I giovani vogliono divertirsi, ma è dovere del governo garantire riapertura in sicurezza”

WhatsApp
Telegram

“Ho due figli su tre adolescenti, so che vorrebbero divertirsi ancora, da padre gli ho spiegato che la cosa più importante per loro è tornare a scuola a settembre e noi abbiamo promesso che a settembre riapriremo le scuole in sicurezza, questo è il nostro dovere oggi”. Così il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, ospite de ‘La vita in diretta’ su Rai 1.

Ci sarà un nuovo lockdown? “Mi sento di escluderlo, ma nessuno al momento può dirlo. Potrebbero esserci delle zone chiuse”. “L’Italia è un Paese sicuro ora, ma dobbiamo convivere col Covid. Spero che non ci sia un nuovo lockdown anche perché non potremmo permettercelo, avrebbe un costo troppo alto” per il Paese. Potrebbero esserci però “zone chiuse”, per evitare l’esplosione di nuovi focolai, “dobbiamo stare attenti. Il Paese dà segni di ripresa, soprattutto grazie al turismo che ha segnato un luglio e una prima metà di agosto positivi”.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito