Ritorno in classe, Azzolina: “richiesti 2,5 mln di banchi monoposto. Polemica stucchevole, lasciateci lavorare”

Stampa

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, interviene a La 7 alla trasmissione “In Onda” per parlare dell’attualità scolastica in vista della riapertura a settembre.

Sui banchi singoli, la ministra afferma: “Le scuole sono aperte, si sta lavorando per garantire il distanziamento. I banchi di ultima generazione servono per la scuola secondaria, di primo e secondo grado. Sono stati richiesti 2,5 milioni di banchi e si tratta di un bando europeo. Non si parla solo di distanziamento, ma di un nuovo metodo di far didattica. C’è poco spazio per scrivere? No, non è vero. Quando io insegnavo c’era un insegnante di scienze prendeva i banchi, li spostava, per fare una didattica diversa. Il docente dell’ora successiva si arrabbiava perché li voleva nel modo tradizionale. Con i banchi si avrà un nuovo modo di insegnamento, innovativo. Mi fido del governo, del commissario Arcuri. Perché devo pensare che i banchi non arriveranno. Ci sono anche giacenze di magazzino esistenti. Vi dico solo una cosa, ci dovete far lavorare”.

Ritorno in classe, i presidi chiedono 2 milioni di banchi singoli tradizionali e solo 400.000 innovativi

Stampa

Eurosofia: Analisi Comportamentale Applicata (ABA) tra i banchi di scuola. Non perderti questa grande opportunità formativa