Ritorno in classe, Azzolina: “Stiamo facendo i salti mortali. Vogliamo riaprire, ma anche evitare di richiudere”

Print Friendly and PDF

Lunga intervista al settimanale Oggi per la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Tanti gli argomenti trattati nel corso del colloquio con il giornale:

“Stiamo facendo i salti mortali, lavoriamo da settimane per questo obiettivo. Vogliamo riaprirle, ma anche evitare che richiudano”.

E poi: “Chi conosce la scuola sa che è un sistema molto complesso e con grandi differenze. E il ministero ha competenze relative. Sa, ad esempio, che non sono io a poter disporre la chiusura delle scuole? Eppure, ci ho sempre messo la faccia. Di fronte alle responsabilità non mi sono mai tirata indietro. Da venti anni c’è una legge in Italia che prevede l’autonomia scolastica e assegna molte competenze ai dirigenti scolastici. Il nostro compito è stato quello di accompagnarli e seguirli. Ci parlo tutti i giorni, nessuno di loro è stato lasciato solo”.

Infine lancia un appello: “Serve uno scatto decisivo da parte degli Enti locali, cioè Comuni e Province, che sono i proprietari degli edifici scolatici. Hanno avuto risorse e poteri straordinari per individuare altri spazi per la didattica. Abbiamo scritto loro per sollecitarli”

Leggi anche

Mascherina in classe, Azzolina: “Sarà richiesto un sacrificio importante, ma necessario”

Ritorno in classe, Azzolina: “Abbiamo 8 milioni di figli, li manderei in classe senza paura e ansia”

Azzolina: “Sono una persona semplice, determinata e sognatrice. Credo nella scuola”

Print Friendly and PDF

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia