Ritorno in classe, Azzolina: in arrivo specifico protocollo di sicurezza per la riapertura

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in audizione alla VII Commissione in Senato dopo l’audizione dell’1 luglio scorso in merito alle iniziative di competenza del ministero per l’avvio del prossimo anno scolastico tenuta presente l’emergenza epidemiologica di Covid-19.

“In occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico, sarà curato uno specifico Protocollo di sicurezza su modello di quello attuato per gli esami di Stato. Nel ‘Piano Scuola’ sono state poi indicate “diverse possibilità di soluzione per risolvere le criticità rilevate”.

Azzolina ha poi spiegato che, presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è stato istituito un apposito tavolo che, in sinergia con il ministero dell’Istruzione, le Regioni e i rappresentanti dell’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e dell’Upi (Unione Province Italiane) definirà soluzioni sull’uso dei mezzi pubblici da parte di studenti e studentesse.

La ministra ha poi aggiunto che “l’autonomia scolastica rappresenta una forza e non una debolezza, forza che conferisce alle istituzioni scolastiche quella flessibilità necessaria anche a modulare il tempo scuola degli studenti, nel rispetto delle indicazioni sanitarie e di una corretta organizzazione anche del rapporto tra ingresso a scuola e trasporto scolastico”.

Azzolina ha detto poi che la priorità del governo è stata e sarà sempre quella di non lasciare indietro nessuno, e ha ribadito che la didattica a distanza è stata “uno strumento utile per mantenere il contatto con i nostri studenti e per dimostrare la vicinanza alle loro famiglie, anche e soprattutto in tutte quelle situazioni di difficoltà e di svantaggio che rischiavano di allargare a dismisura i divari territoriali e sociali, già sussistenti, che abbiamo il dovere di ridurre e combattere. Di quanto faticosamente realizzato dai docenti italiani durante il periodo dell’emergenza intendiamo far sì che nulla possa andare perduto – ha aggiunto – Noi intendiamo valorizzarlo, farne una ricchezza, trasformare l’esperienza avuta in azione educativa oggetto di continuo approfondimento”.

Leggi anche

Azzolina: 80mila assunzioni per il 2020-2021. Quanto richiesto al Mef

Azzolina: sì a test sierologici per tutto il personale scolastico. Il ministero della Salute è già a lavoro

Poi Azzolina aggiunge: “Ribadisco che la spesa per la messa in sicurezza degli edifici scolastici ha registrato un’accelerazione: a  marzo sono stati stanziati 510 milioni, altri 320 sono stati ripartiti tra le Regioni ad aprile, altri 885 milioni sono stati messi in favore di province e città metropolitane per interventi di manutenzione  straordinaria ed efficientamento energetico delle scuole secondarie di secondo grado. Inoltre sono stati pubblicati ieri dal ministero dell’Istruzione i risultati relativi al bando che ha messo a  disposizione 330 milioni di euro per il finanziamento di interventi  per l’edilizia leggera”. 

E infine: “La prossima riapertura richiederà  l’adozione di misure attente alle prescrizioni sanitarie, ma  altrettanto importante è tenere in considerazione la qualità  pedagogica. In particolare, le fasce di età più basse dovranno poter  contare sulla relazionalità sicura, ma imprescindibile affinché  l’azione educativa abbia un senso e lo trovi nella frequenza della  struttura educativa”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia