Ritorno in classe, Azzolina: “Grande sforzo collettivo, si ritorna a scuola se si fa squadra tutti insieme”

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è intervenuta a Uno Mattina Estate, programma di approfondimento giornalistico in onda su Rai 1.

“Il 14 settembre a scuola si ritorna e si ritorna tutti quanti. Con l’esame di maturità abbiamo riportato  a scuola circa 500mila persone in presenza. Non era scontato. Ci  avevano detto che non si sarebbe potuto fare in realtà siamo riusciti  ed è andata molto bene”.

Adesso, ha aggiunto Azzolina “stiamo organizzando una macchina molto
complessa che è quella della riapertura. Una macchina complessa che prevede una governance a più livelli: il Ministero, gli Enti Locali che hanno un ruolo fondamentale, i sindaci e i presidenti delle provincie nella ricerca di altri spazi necessari per mantenere il distanziamento. Abbiamo anche dato potere commissariale ai sindaci e ai presidenti di province, fatto investimenti su edilizia scolastica leggera. Il nostro obiettivo – ha sottolineato – è agire su più livelli. Il primo livello è quello di prendere gli edifici esistenti e fare lavori di edilizia leggera, ricavare nuove classi, Laddove questo non bastasse stiamo cercando di reperire edifici scolastici dismessi. Se questo non bastasse, ulteriori locali: musei, teatri, archivi, cinema biblioteche. Anche diocesi e parrocchie. A Roma – ha ricordato – è stato fatto un protocollo, tra la Raggi e il Vicariato. Insomma, c’è uno sforzo collettivo: si ritorna a scuola se si fa squadra tutti insieme”.

Back to school. La scuola riparte in sicurezza. Eurosofia ha creato dei nuovi protocolli formativi per sostenere la ripresa delle attività didattiche