Ritorno in classe, Ascani: “Dalla riapertura a settembre dipende credibilità del Paese”

Stampa

Dalla “riapertura a settembre delle scuole dipende la credibilità non di un Ministero o di un Governo ma di un Paese intero. Sarà possibile solo attraverso questo gioco di squadra che fin qui si è esplicitato in maniera straordinaria”. Lo ha detto il viceministro all’Istruzione Anna Ascani, intervenuta al webinar di Anci Toscana ‘Dire e fare’.

Ascani ha sottolineato “il lavoro territorio per territorio” che sta portando a far “collaborare uffici scolastici regionali, amministratori, dirigenti scolastici con la presenza costante dell’amministrazione centrale nei ruoli di governo. Personalmente, tra gli altri, seguo anche il tavolo della Toscana. La nostra idea è di partire” dal fatto che “le scuole hanno bisogno di un riconoscimento di una certa autonomia” perché “sono diverse tra loro”.

Per il viceministro, da un lato questi istituti, magari “anche nello stesso territorio hanno necessità, esigenze, criticità diverse e hanno bisogno di affrontarle con strumenti pensati per loro. Dall’altra parte nessuno può essere lasciato solo, né i Comuni né i dirigenti scolastici”.

Due milioni di test sierologici per docenti e Ata. I kit entro il 10 agosto. Il bando di gara [PDF]

Ritorno in classe: mascherine, distanziamento e medico scolastico. Il Cts risponde. SCARICA PDF

Leggi anche

Azzolina: sì a test sierologici per tutto il personale scolastico. Il ministero della Salute è già a lavoro

Ritorno in classe, Azzolina: in arrivo specifico protocollo di sicurezza per la riapertura

Azzolina: al via formazione del personale scolastico su digitale. Presto linee guida su Dad

Ritorno in classe: ecco quando dovrà essere indossata la mascherina

Stampa

Black Friday Eurosofia, un’ampia e varia scelta di corsi d’aggiornamento pratici e di qualità con sconti imperdibili