Ritorno in classe, Arcuri sarà il commissario per la riapertura delle scuole

Stampa

Il commissario all’emergenza Covid, Domenico Arcuri, si occuperà della fornitura di gel, mascherine e “ogni necessario bene, compresi gli arredi scolastici, utile a garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico”

Lo si legge nella bozza del decreto Semplificazioni che dovrebbe essere confermata nel testo finale.

Il commissario potrà provvedere “nel limite delle risorse assegnate allo scopo con delibera del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo emergenze nazionali” e può procedere subito all’affidamento di contratti, senza aspettare il trasferimento dei fondi alla contabilità speciale.

Apertura scuola a settembre 2020, ecco le linee guida DEFINITIVE. PDF

Domenico Arcuri, “fino alla scadenza del predetto stato di emergenza”, procede, “nell’ambito dei poteri conferitigli e con le modalità previste dalla suddetta norma, all’acquisizione e distribuzione delle apparecchiature e dei dispositivi di protezione individuale, nonché di ogni necessario bene strumentale, compresi gli arredi scolastici, utile a garantire l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2020-2021, nonché a contenere e contrastare l’eventuale emergenza nelle istituzioni scolastiche statali”.

Il Commissario, si legge ancora, “per l’attuazione di quanto previsto dal precedente periodo, provvede nel limite delle risorse assegnate allo scopo con Delibera del Consiglio dei Ministri a valere sul Fondo emergenze nazionali di cui all’articolo 44 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1; le risorse sono versate sull’apposita contabilità speciale intestata al Commissario”.

A tale scopo, “le procedure di affidamento dei contratti pubblici potranno essere avviate dal Commissario anche precedentemente al trasferimento alla contabilità speciale delle suddette risorse”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur