Ritorno in classe, Arcuri: “La scuola ripartirà e andrà meglio di prima. Apertura discoteche enorme stupidaggine”

Stampa

“La scuola tra dieci giorni aprirà e  funzionerà come in Italia ha sempre funzionato, zoppicando un po’. E magari, dopo un breve rodaggio, andrà anche meglio di prima”.

Così in una lunga intervista sul settimanale ‘Il Venerdì di Repubblica’ il  commissario straordinario per l’Emergenza Covid 19, Domenico Arcuri.

Come mi sono sentito con tutti quei morti? ”Malissimo – risponde Arcuri – Già di natura dormo poco. Da quando sono commissario all’emergenza passo le notti sveglio, e mi metto a lavorare”. Per  l’ad di Invitalia, anche se difficile da dire, ”l’epidemia, insieme  all’oltraggio dei corpi, ha fatto dell’Italia una nazione. Rovesciando D’Azeglio, abbiamo gli italiani ma non l’Italia. Anche all’estero sono rimasti sorpresi. Secondo me non ci ha cambiati la paura, ma la speranza”.

Il commissario, poi, non ha dubbi: ”la riapertura delle discoteche è stata madornale, un’enorme stupidaggine. Ma l’hanno fatta le Regioni.  Bisognava fermarle, impugnare le ordinanze, ma è difficile governare  un Paese che ha una struttura confusamente semifederalista”. Quando  finirà l’emergenza? “Non lo so, ci sono segnali di peggioramento”, risponde Arcuri.

E ancora: “In molti non mi perdonano di aver fissato il costo della mascherina a 50 centesimi. Dicono che avrei dovuto  rispettare di più il mercato. Ma ho scelto la salute e comunque io sono liberale e di sinistra, non sono liberista”, dice Arcuri.

“I professionisti dell’emergenza – spiega – hanno tutto l’interesse a  tenere in vita l’emergenza per tenere in vita se stessi. Ma con la pandemia non siamo ancora a questo. E aggiungo, purtroppo”.

Leggi anche

Arcuri, è impensabile che nessuno si contagi a scuola

Ritorno in classe, Arcuri ai presidi: “Ecco criteri e tempi della fornitura dei banchi”. Lettera

Stampa

Didattica digitale integrata. Eurosofia ha creato un innovativo ciclo formativo per acquisire le competenze specifiche