Ritorno in classe, Aprea (Forza Italia): “Non si può perdere più tempo, Azzolina scarica su scuole le responsabilità”

”Ora che l’emergenza sanitaria sta riguardando i più giovani sale la tensione tra i dirigenti e i docenti per la riapertura delle scuole del 14 settembre. È ormai chiaro che la ministra Azzolina ha mancato tutti gli adempimenti amministrativi che avrebbero garantito una ripresa in sicurezza e ora scarica sulle scuole la responsabilità organizzativa e sanitaria. Di quest’ultima devono certamente occuparsi anche il Ministro Speranza e il Cts, visto che ad oggi non sono stati ancora istituiti i presidi sanitari nelle scuole per la sorveglianza sanitaria e dal 24 agosto i docenti dovranno sottoporsi ai test sierologici”.

Lo afferma in una nota Valentina Aprea, deputata di Forza Italia e responsabile del Dipartimento Istruzione del movimento azzurro.

“Dal Commissario Arcuri ci aspettiamo invece un’operazione trasparenza sulla fornitura dei banchi. Non si conoscono ancora i nomi delle ditte che hanno vinto la gara e soprattutto le scuole attendono di sapere  quanti banchi e quando e come saranno consegnati ad ogni singola scuola. In assenza di questi elementi, i dirigenti, su indicazione  peraltro del Cts, potrebbero far intervenire la Protezione Civile per l’installazione di tecnostrutture con ulteriori costi e sovrapposizione di interventi pubblici”, prosegue.

“Intervengano le Regioni a mettere ordine e a denunciare le situazioni più a rischio rispetto all’apertura dell’anno scolastico. Non si può perdere altro tempo, la Ministra Azzolina ne ha già perso tanto e di questo dovrà rispondere al Parlamento e al Paese’‘, conclude Aprea.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia