Ritorno in classe, Andis: definire fattispecie di lavoratore fragile, assenze docenti e Ata con sintomi

L’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici ha presentato ieri un documento nel corso dell’incontro a distanza del Forum delle Associazioni dei docenti e dei dirigenti scolastici (FONADDS) con la ministra Azzolina, in vista della riapertura delle scuole.

Ci sono questioni specifiche – scrive l’Andis nel documento illustrato alla Ministra – che influenzano la serenità e l’umore dei dirigenti scolastici relativamente ad alcune responsabilità improprie che le disposizioni connesse all’emergenza sanitaria hanno prefigurato a loro carico.

A tal riguardo l’ANDIS sottopone alla S.V. e all’intero Governo le seguenti richieste:
– definire la fattispecie di lavoratore “fragile”;
– definire le modalità di assenza del personale docente e ATA che manifesti sintomi lievi alle vie respiratorie o lievi sintomi febbrili, che non costituiscono malattia ma vanno considerati in via prevenzionale;
– esplicitare all’interno di un provvedimento legislativo che non sussiste responsabilità penale dei dirigenti e del personale scolastico in caso di contagio a scuola, alla stregua di quanto è stato già normato per i medici (non possono ritenersi tutelanti davanti a un giudice le precisazioni fornite da INAIL, CTS e MI);
– insediare a livello intergovernativo una struttura di supporto e consulenza sanitaria che possa fornire ai dirigenti scolastici pareri citabili sulle misure da assumere nelle
singole situazioni di scuola;
– costituire a livello centrale un ufficio di supporto e consulenza legale ai dirigenti scolastici e al personale scolastico per eventuali contenziosi connessi a contagio da
COVID-19;
– autorizzare il dirigente ad allontanare da scuola qualunque soggetto ritenuto a rischio o potenzialmente contagiato anche solo di fronte al dubbio, senza alcuna
ricaduta sul dirigente stesso;
– chiarire il profilo, le responsabilità e il compenso del Referente COVID, prevedendo anche la possibilità per le scuole di assegnare tale funzione a personale esterno (del
comparto sanitario o Protezione civile, ecc.);
– istituire presidi sanitari al servizio di piccole reti di scuola.

Documento illustrato alla Ministra Azzolina il 25 agosto 2020

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia