Via libera ad assunzioni a tempo determinato in asili nido e scuole materne, tetti spese derogati

“Oggi, finalmente, il Governo ha dato  risposta alla nostra richiesta: ha concesso una deroga per  l’assunzione a tempo determinato nelle scuole”.

Questo è quanto dichiara  Antonio Decaro, presidente dell’Anci e sindaco di Bari, che ricorda: “L’avevamo detto da tempo: importantissimo fissare le norme ed eseguire gli interventi per rendere sicuro il rientro a scuola dei  ragazzi, priorità assoluta come l’ha definita il Governo. Ma se  avessimo provveduto a garantire distanza su scuolabus e in classe ma  poi non avessimo fatto trovare a bambini e ragazzi gli insegnanti e  tutto il personale che fa funzionare la scuola, sarebbe stata una beffa”.

La norma, fortemente voluta dall’Anci, assicura la possibilità di “assumere a tempo determinato personale educativo e  ausiliario in deroga a un a tetto di spesa anacronistico e soprattutto inadeguato a rispondere all’emergenza sanitaria, che vede pressoché raddoppiati i numeri di educatrici di asili nido e maestre delle  scuole materne. Il tetto, prima di questa deroga, risaliva infatti al  2010 e faceva rientrare anche il personale scolastico nella spesa per  le assunzioni a tempo determinato, che non poteva essere superiore a quella sostenuta nel 2009”.

Per Decaro, “con questo decreto, vengono accolte quasi tutte le richieste per le quali noi sindaci ci battevamo da mesi. Riguardo alle assunzioni, riteniamo che il tetto vada del tutto eliminato, a  prescindere dalla situazione contingente. Abbiamo cambiato la regola  per definirlo con una soglia che ora deriva dal rapporto tra entrate  correnti e spesa del personale: che senso ha mantenere ancora un tetto?”.

Per la scuola, invece, il presidente dell’Anci ribadisce: “Attendiamo l’incremento delle risorse per Comuni, Città metropolitane e Province, per l’affitto di immobili o spazi da destinare ad aule o per  noleggiare o acquistare strutture modulari temporanee. Sono stati stanziati 70 milioni di euro ma ne servono 300 milioni”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia