Ritorno in classe, Alfieri: “Azzolina è la ministra più invidiata al mondo, ha avuto i suggerimenti di tutti, ma li ha rifiutati”

“Le paritarie di seconda fascia, in cui cioè si paga una retta media di circa 5-6mila euro l’anno per alunno,  pur con enormi sacrifici ripartono e alla grande. Perché potendo pronunciare la parola magica che si chiama autonomia, si sono potute organizzare a spron battuto”.

Lo dice all’Adnkronos, Anna Monia Alfieri, esperta di politiche scolastiche e referente scuola Usmi e Cism che aggiunge: “Al nord, quelle di fascia media hanno registrato un aumento di iscrizioni di circa il 3%. Ma per l’ostinazione del Governo a  negare i patti educativi tra scuola statale e paritaria, sono stati  lasciati per strada i poveri”.

“Orario scolastico, organico, programmazione dell’attività educativa , equipe sicurezza, servizio mensa, informative alle famiglie nel  rispetto della privacy….Le paritarie partiranno alla grande. Ma il  dramma è che a settembre il diritto all’istruzione universale che ogni stato deve garantire a tutti i cittadini senza discriminazione rimarca l’esperta – non sarà accessibile ad 8 milioni di studenti ma solo ai privilegiati: quelli cioè che frequenteranno le paritarie di  prima fascia, per ricchi, con rette di circa 8 mila euro annui ad  alunno; e quelli che con grandi sacrifici riescono ad accedere alla  seconda fascia. Ripartiranno anche bene le statali, ma solo in regioni ricche come Veneto e Lombardia, non dunque nel centro sud”.

“Il Governo ha rifiutato l’aiuto genuino nostro e di tutte le forze politiche da Fdi a Leu, compatte – denuncia – E ciò nonostante non far ripartire la scuola per tutti significhi non far ripartire il Paese. E’ inspiegabile l’ostinazione del Movimento cinque stelle a rifiutare l’accordo. Lucia Azzolina è la ministra più invidiata al mondo. Ha  avuto i suggerimenti di tutti, ma li ha rifiutati. A settembre non si  incolpino direttori generali regionali, dirigenti statali, docenti,  governatori, enti locali. Occorrevano autonomia e patti educativi a  tappeto di cui si parlava nelle linee guida. Ma non è stato fatto nulla. La realtà è una – conclude – questo Governo ha scelto di non  intitolarsi la vittoria delle vittorie che è il pluralismo educativo”.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia